Come un soffio (Benvenuta Adelaide)

Mentre scrivo è ancora il 10 Gennaio 2012. Per noi è un giorno che comincia il giorno prima. 9 Gennaio. E' sera. Papà ha appena aggiornato il suo profilo su FB. Le parole sono queste:

Ginevra dorme, ha ripreso l'asilo, papà è ufficialmente in congedo...stiamo per guardarci un film...manca qualcosa...Adelaideeeee!!! cosa ci fai ancora nella pancia??? :-D

Il film era brutto. Veramente brutto. Non lo abbiamo visto finire perchè...era talmente brutto che sono arrivate alcune contrazioni potenti. Poi, dentro la mamma si è stappato qualcosa. E sono arrivate le acque, in una tipica scena da film. Ridiamo. L'ilarità scatenata dal momento la conserverò in una scatola della memoria tutta speciale. Belin, le acque stanno bagnando il tappeto della sala, anzi Il Tappeto della sala. I nostri più cari amici rideranno come pazzi leggendo queste righe. Rido anche io scrivendo. Rido perchè da lì a vedere Adelaide è stato come un soffio. Un soffio sì doloroso, piuttosto una bora, ma rapido, chirurgico, preciso. In tre ore il miracolo di una nuova vita era già bello e compiuto.



Eccola, la tanto attesa Sorella Minore che condividerà la sua esistenza con le nostre. Il grado di secondogenita si addice a quel corpo piccino, a questo ranocchietto dal pianto sommesso, dal sonno profondo e dalla ciucciata ritmica e persistente. Mica come quella pigrona della Sorella Maggiore. Che arriva, principessa quasi saltellante, scortata dai nonni, a conoscere il suo stesso sangue. Arriva e le sorride, arriva e la vuole avvicinare, toccare, le vuole prendere la mano. Le avvicina il muso per sentirla, odorarla, scrutarla, forse baciarla. Adelaide vista nei suoi occhi è una doppia meraviglia. Doppia come il bis che ci siamo concessi alla grande tavola imbandita della nostra famiglia.

video


Ecco, la famiglia si allarga non è stato solo un sms di annuncio. Se il 3 novembre fu il giorno della vita, questo 10 Gennaio è dunque il giorno di Festa Eterna per la famiglia Scorza,  che festeggia quando le altre feste sono finite, quando l'albero di Natale è già tornato in soffitta.
Adelaide, con il tuo nome antico, Adelaide già con le tue smorfie buffe...per noi sei il simbolo della festa che non finisce. Grazie per essere arrivata tra noi.

Commenti

  1. Una lacrimuccia mi fa capolino..benvenuta adelaide! Francybis(che vi segue quasi dall'inizio ma non ha mai commentato,per chissa che motivo..)

    RispondiElimina
  2. Che dolcezza.. benvenuta Adelaide.. un abbraccio dalla vostra amichetta
    Viola

    RispondiElimina
  3. Ma che meraviglia! Congratulazioni!

    RispondiElimina
  4. Benvenuta Adelaide!!!! Che emozione leggere questo post! E il video?! Stupendo davvero!!!!!! Congratulazioni!!!!

    RispondiElimina
  5. Auguriiiiiii e finalmente.... BENVENUTA ADELAIDE!!!

    RispondiElimina
  6. Fino a oggi non avrei mai pensato che un uomo fosse capace di esprimere con tanta dolcezza e profondità il sentimento più forte del mondo: una nuova vita che nasce! grazie!

    RispondiElimina
  7. grazie a tutti per i messaggi, soprattutto per quelli che ci conoscono solo attraverso questo blog...scriverlo è un modo che ho trovato per crescere, migliorarmi e riflettere sul mio ruolo di padre. Serve principalmente a me, ma sapere di essere letto fa piacere :-)

    RispondiElimina
  8. Auguri bella famiglia. Non trovo post più bello per iniziare a commentare qui.
    Adelaide.
    Non la chiamerete mica Heidi per abbreviarle il nome vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma...a me piace come soprannome :-) alla mamma non tanto...ma cosa avete tutte in contrario :-)

      Elimina
  9. Adoravo Heidi! Ma la bimba svizzera e il suo ricordo rischia di sopraffare le caratteristiche di Adelaide, no? Tanto avrete Ginevra che in poco le troverà un soprannome....

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari